Ce.Spe.Vi.

Torna a IDRI
Progetto IDRI
Razionalizzazione dell'impiego delle risorse idriche e dei fertilizzanti nel florovivaismo
Ente finanziatore: ARSIA - Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione nel settore Agro-forestale
Ente promotore: Ce.Spe.Vi. - Centro Sperimentale per il Vivaismo di Pistoia
Coordinatore Scientifico: Prof. Alberto Pardossi (Università di Pisa)

Sintesi del programma e partner del progetto
 


Obiettivi

Il progetto è incentrato su un flusso bi-direzionale d'informazioni tra gli istituti di ricerca e le aziende del settore. Attraverso, cioè, una serie di indagini aziendali saranno raccolti i dati necessari per lo sviluppo, sulla base di un attento studio delle informazioni disponibili e di alcune verifiche sperimentali, e del successivo trasferimento al tessuto produttivo di tecnologie innovative per l'irrigazione e la concimazione, nell'ottica di una maggiore sostenibilità ambientale del processo produttivo florovivaistico. 

Al centro del progetto è stata posta l'azienda; lo studio, così, si occuperà soprattutto delle tecnologie dell'irrigazione e della fertilizzazione delle colture. Alcune prove sperimentali, comunque, saranno dedicate a tematiche a carattere infrastrutturale, come ad esempio l'impiego delle acque reflue da impianti di depurazione civile o industriale. Altre attività potranno fornire informazioni utili per le amministrazioni locali e centrali, come, ad esempio, indicazioni per i disciplinari di produzione integrata o suggerimenti per eventuali campagne di sensibilizzazione degli agricoltori sul problema "emergenza idrica".

Attività

Il progetto, che ha avuto inizio a Giugno 2002 e terminerà nel 2004, si articola in quattro sottoprogetti:

Sottoprogetto 1 - Analisi tecniche e socio-economiche
Raccogliere informazioni relative alla disponibilità ed alla qualità delle risorse idriche nelle diverse zone a vocazione florovivaistica; determinare il grado di variabilità di WUE e NUE in una serie di aziende scelte come unità rappresentative in relazione al tipo di produzione florovivaistica, al livello tecnologico dei sistemi di coltivazione ed alla zona geografica; identificare le aziende florovivaistiche all'avanguardia in termini di WUE/NUE e compatibilità ambientale; condurre studi economici (anche in simulazione) relativi al costo aziendale e sociale dell'acqua impiegata per le produzioni florovivaistiche.

Sottoprogetto 2 - Inventario delle conoscenze scientifiche e tecnologiche
:
Fornire un inventario (raccolta, analisi e sintesi) delle conoscenze scientifiche e tecnologiche in materia d'irrigazione e fertilizzazione delle colture florovivaistiche in serra ed in piena aria.

Sottoprogetto 3 - Prove sperimentali e studi di fattibilità

Prove sperimentali su: impiego di sistemi di coltivazione a ciclo chiuso per la produzione in piena aria ed in serra di piante ornamentali in contenitore; aspetti biologici e tecnologici relativi all'impiego di acque reflue nella produzione di arbusti ornamentali in contenitore; variazioni delle caratteristiche chimiche ed idrodinamiche dei substrati durante la coltivazione in relazione ai materiali utilizzati per la preparazione dei miscugli ed alla tecnica di fertirrigazione (irrigazione a goccia e subirrigazione; fertirrigazione associata o meno all'impiego di concimi a lento rilascio, uso dei tensiometri per la gestione dell'irrigazione delle piante allevate in contenitore (prove in laboratorio ed in vivaio).
Studi di fattibilità su: sistemi integrati di gestione dell'irrigazione e della fertilizzazione delle colture in contenitore; requisiti tecnologici essenziali degli impianti a ciclo aperto ed a ciclo chiuso destinati alla produzione di piante in vaso in serra o in piena aria; sistemi di monitoraggio rapido delle caratteristiche chimiche e fisiche dei substrati e delle soluzioni nutritive ricircolanti o di drenaggio. 

Sottoprogetto 4 - Diffusione dei risultati
: Realizzazione di un impianto pilota per la coltivazione a ciclo chiuso di specie legnose in contenitore; pubblicazione di documentazione tecnica; stesura di un manuale sull'irrigazione e la fertilizzazione delle colture florovivaistiche; ciclo di conferenze pubbliche; convegno nazionale.

Risultati

Standard colturali; pubblicazioni a carattere scientifico e tecnico-divulgativo (articoli su riviste del settore, brochure, dépliant, ...); manuale (con CD-rom) dell'irrigazione e della fertilizzazione delle colture florovivaistiche, impianto-pilota per la coltivazione a ciclo chiuso delle specie ornamentali in contenitore in piena aria, seminari e conferenze per tecnici ed agricoltori, Convegno Nazionale su "Razionalizzazione dell'irrigazione e della fertilizzazione delle colture florovivaistiche in serra ed in piena aria".

Partner del progetto

Partner 1: CESPEVI, Pistoia. Soggetto promotore, oltre a curare la parte amministrativa del progetto, sarà il leader del sottoprogetto 4 (Diffusione dei risultati) e responsabile della realizzazione delle aree sperimentali e dell'impianto pilota presso la sede operativa del Centro a Pistoia.

Partner 2: CNR-IBIMET (ex CNR-IATA) - Istituto di Biometeorologia, Firenze. L'Istituto ha una riconosciuta competenza ed esperienza nel campo dell'agrometeorologia, dell'ecofisiologica vegetale e dell'analisi ambientale. Recentemente ha iniziato ad occuparsi anche di vivaismo ornamentale partecipando a progetti di ricerca come CNR-ARBORN (arbusti ornamentali) e "Impiego di sistemi tensiometrici per la gestione dell'irrigazione in ambito vivaistico (progetto finanziato dalla Cassa di Risparmio di Pistoia). Ha inoltre promosso insieme al Ce.Spe.Vi il Convegno "Irrigazione in vivaio in un clima che cambia", tenuto il 22 febbraio 2001 presso il Ce.Spe.Vi. Il partner, che ha come responsabile la Dr.ssa Laura Bacci, sarà leader del sottoprogetto 2 e sarà in pratica coinvolto in tutte le iniziative previste dal progetto, con un ruolo di primo piano nella preparazione della versione digitale del Manuale. Il partner 2 condurrà il lavoro sperimentale sull'utilizzazione dei tensiometri, con prove sia in vivaio che in laboratorio.

Partner 3: DBPA - Dipartimento di Biologia delle Piante Agrarie, Università di Pisa. Il Dipartimento di Biologia delle Piante Agrarie, al quale appartiene il Coordinatore Scientifico Prof. Alberto Pardossi, è coinvolto in tutte le attività; in particolare, condurrà una serie di esperimenti sulle modifiche delle caratteristiche idrodinamiche dei substrati che si hanno in seguito alla coltivazione per periodi relativamente lunghi. Collaborerà con il partner 5 alla conduzione degli esperimenti sui sistemi di coltivazione a ciclo chiuso. Nell'ambito di un progetto di ricerca finanziato dall'UE (INCO-DC, HORTIMED) DBPA sta attualmente conducendo alcune ricerche sulla gestione della soluzione nutritiva ricircolante nei sistemi chiusi; tale attività s'interfaccerà con quella condotta nell'ambito del progetto IDRI.

Partner 4: DAGA - Dipartimento di Economia dell'Agricoltura dell'Ambiente Agro-Forestale e del Territorio, Università di Pisa. Il partner, che ha come referente il Prof. Gianluca Brunori, è responsabile delle indagini aziendali previste dal sottoprogetto 1, nell'ambito del quale coordinerà la formulazione e il test del questionario, la raccolta, l'elaborazione dei dati e i relativi report. DAGA fornirà anche supporto agli altri partners per la definizione delle metodologie di divulgazione e di assistenza tecnica. Per l'analisi dei costi aziendali e sociali del consumo di acqua DAGA chiederà la collaborazione della Dott.ssa Scaramuzzi dell'Osservatorio Regionale di Economia Agraria dell'INEA di Firenze.

Partner 5: DIPROVE - Dipartimento di Produzione Vegetale, Università di  Milano. Il responsabile, Prof. Francesco Ferrini (ricercatore per diversi anni presso la Facoltà di Agraria di Firenze, prima di passare all'Università di Milano), è un esperto di vivaismo ornamentale e da diversi anni conduce prove sperimentali in questo campo, anche presso aziende del comprensorio Pistoiese. Il DIPROVE sarà responsabile della sperimentazione relativa alla coltura a ciclo chiuso di arbusti ornamentali che si condurrà nell'area sperimentale attrezzata ad hoc presso il CESPEVI. In collaborazione con il Dipartimento d'Ortoflorofrutticoltura e con il Dipartimento di Ingegneria Civile dell'Università di Firenze, il DIPROVE condurrà anche alcune prove sul recupero delle acqua reflue.

Partner 6: Ditta Guastapaglia, Pescia. Il partner è una nota ditta che produce e fornisce attrezzature e dispositivi per l'irrigazione e la fertirrigazione, soprattutto per aziende ortoflorovivaistiche. La ditta, attualmente gestita dal Sig. Ernesto Riccò (perito industriale,) sarà coinvolta nella realizzazione delle aree sperimentali e dell'impianto pilota presso il CESPEVI e parteciperà alla stesura del Manuale, contribuendo ai capitoli dedicati agli aspetti ingegneristici.

Partner 7: Demetra, Pescia. La ditta è gestita dal Dott. Paolo Baroncelli e Stefano Landi, entrambi agronomi. Oltre a mettere a disposizione le conoscenze acquisite in materia di esigenze idriche e nutritive delle piante ornamentali, Demetra si farà carico di gran parte delle analisi chimiche dei campioni di substrati, soluzioni nutritive e tessuti vegetali che si renderà necessario raccogliere nelle diverse prove sperimentali previste dal progetto. Sarà responsabile dell'elaborazione di un documento sui sistemi di monitoraggio chimico-fisico rapido di substrati e soluzioni nutritive.

Partner 8: Amici della Terra della Toscana, Firenze. Il partner è un'organizzazione no-profit che da diversi anni è particolarmente impegnata nella salvaguardia delle risorse idriche. In proposito, si è fatta più volte promotrice (soprattutto con il Club della Versilia) di iniziative tese a ridurre il consumo e l'inquinamento idrico in Versilia, occupandosi anche del grave problema della salinizzazione delle falde acquifere. Il partner, rappresentato dall Dr.ssa Angela Giudiceandrea, avrà un ruolo di primo piano in uno studio sulle caratteristiche di un'eventuale campagna d'educazione e sensibilizzazione dell'intero settore florovivaistico sui problemi riguardanti la gestione delle risorse idriche.

Partner 9: Paolo Bonora. Il Sig. Bonora è un professionista attivo nel settore dello sviluppo di software. Collabora già da tempo con il partner 2 (CNR-IBIMET). Nell'ambito del progetto IDRI avrà un ruolo di primo piano nella realizzazione del supporto digitale del manuale.

Vi sono inoltre 7 partner imprenditoriali aziende, organizzazioni di categoria e associazioni di produttori, che non saranno responsabili direttamente di specifiche azioni ma saranno coinvolti in tutte le fasi del progetto e saranno chiamate a conferire conoscenze ed esperienze proprie o dei propri associati. Avranno un ruolo di notevole importanza nelle indagini aziendali e nelle attività di diffusione e trasferimento dei risultati (organizzazione di conferenze e visite tecniche, indicazioni sul format della documentazione tecnica).
Sono : Ditta Cav. Antonio Evangelisti - Consorzio Ortoflorovivaistico Valdarnese - Florexport Coop. a r.l. - Toscoflora Coop a.r.l. - (CIA) Confederazione Italiana Agricoltori - Federazione Provinciale Coltivatori Diretti - Unione Provinciale Agricoltori (UPA)

 


Homepage Indietro
© 2002 Ce.Spe.Vi. - Pistoia
La riproduzione anche parziale del contenuto di queste pagine é vietata